Una città bellissima, monumenti, lunghe spiagge organizzate e passeggiate nella natura a pochi chilometri dal centro, una città multiculturale, ricca di arte e angoli meravigliosi da vivere, ma anche una città molto complicata, se parliamo di traffico e viabilità. Ecco perchè visitare Barcellona in vespa credo sia il modo migliore e in assoluto il più furbo per conoscerla e apprezzarla al 100%.

Era parecchio tempo che con Stefano volevamo prenderci una giornata tutta per noi e goderci la città, ma come sapete avendo un bimbo piccolo e non avendo aiuti è abbastanza complicato organizzarsi.
L’ occasione si è presentata qualche settimana fa, quando approfittando dei nonni paterni in visita, abbiamo lasciato William a casa, tra le mille attenzioni e vizi, per fare il nostro giro turistico per Barcellona, in collaborazione con Vesping.

CHE COS’È VESPING?

Vesping è un’azienda che nasce dall’idea di Vittorio, un ragazzo italiano, di Cosenza per la precisione. Non vi aspettate un semplice noleggio scooter ad ore perchè Vesping è molto di più.

A Vesping non vi affitteranno semplicemente una vespa e due caschi, ma vi daranno in mano le chiavi della città. Come? Grazie a un GPS.

Si, avete capito bene, quello che abbiamo tutti nelle nostre auto e nei nostri smartphone e di cui non possiamo fare più a meno, neanche per arrivare al supermercato.

Il GPS di Vesping però non è un semplice GPS ma è stato organizzato con molto sapere. Ha infatti dei percorsi pre-impostati che vi porteranno a sfrecciare (sempre dentro i limiti consentiti eh 🙂 ) per le vie di Barcellona, alla scoperta dei luoghi più belli e interessanti.

Ma c’è di più, Vittorio è stato un vero genio in questo, creando qualcosa a cui nessuno aveva mai pensato prima: mettere a disposizione dei turista il “sapere” di un local. Infatti con il GPS non solo vi verranno indicati i percorsi divisi per tematiche, come il percorso dedicato a Gaudì o quello dedicato a la playa, ma divisi per categorie nel preziosissimo gps (da non lasciare mai attaccato alla vespa durante le soste) troverete un sacco di consigli utili su dove andare per vivere la città da veri autoctoni come ad esempio dove mangiare una buona paella o dove trovare il parco più vicino per rilassarvi al fresco. Vittorio vive a Barcellona da 18 anni e in questo progetto ha messo davvero tutto se stesso.

VISITARE BARCELLONA IN VESPA: LA NOSTRA GIORNATA CON VESPING

Ma adesso parliamo di noi, di quello che abbiamo fatto e di come abbiamo vissuto questa giornata.

Vivendo a Barcellona da qualche tempo, in realtà non avevamo molto da scoprire…o almeno cosí pensavamo 🙂

Vesping si trova in Passatge de Simó, a pochi passi dalla Sagrada Familia, una posizione strategica in centro città. Siamo arrivati intorno alle 10 , dopo le chiacchiere tra gli uomini dedicate ovviamente al Cosenza Calcio e le dovute spiegazioni tecniche sul GPS, abbiamo inforcato la nostra vespa direzione monti.

Barcellona é colorata, piena di gente, di vita ma vi assicuro che il modo migliore per innamorarvene è ammirandola dall’alto, quindi da lí abbiamo iniziato la nostra giornata da turisti su due ruote.

Abbiamo percorso tutta la strada fino al Park Guell e poi fino al Tibidado, il parco di divertimenti sulla montagna che domina la città e da lì ci siamo diretti verso il Monastero di Pedralbes percorrendo una strada panoramica in mezzo alla natura descrivibile con una sola parola: meravigliosa!

visitare Barcellona in vespa
visitare Barcellona in vespa

Abbiamo anche scoperto la carrettera de Les Aigues, un sentiero battuto nel bosco, da poter percorrere a piedi, correndo o in bicicletta. Fantastico!

Anche il Monastero è stata una bellissima scoperta. Uno dei migliori modelli di gotico catalano con il più grande chiostro gotico al mondo, costituito da due gallerie con 26 colonne su ciascun lato in pietra calcarea da Girona, e un terzo piano eretto più tardi che funge da soffitta.

visitare Barcellona in vespa
visitare Barcellona in vespa: Monasterio de Pedralbes

Tornando verso il centro abbiamo attraversato il distretto di Sarría-San Gervasi, il noto quartiere dei ricchi, con una tappa al parco Amelia (su consiglio di Vittorio) e poi attraversando il quartiere Sants, con la sua maestosta stazione ferroviaria, siamo arrivati in Plaza de Espanya. Era il giorno prima della Maratona di Barcellona che dopo poche ore sarebbe partita e arrivata proprio sotto le due famose torri e in questa zona veniva ospitato l’expo della maratona.

Da buoni runners abbiamo quindi deciso di andare a mangiare un boccone, seguendo i consigli di Vesping, e poi di tornare a fare un giro all’expo.

Per il pranzo abbiamo scelto un posto famosissimo e molto tipico, che noi ovviamente non conoscevamo: la Xampanyeria de Can Paixano, in Carrer de la Reina Cristina, 7, alla Barceloneta, un bar dove poter gustare un bicchiere o una bottiglia di ottimo vino cava della casa, mentre ci si riempe lo stomaco di tapas o panini, freschi e gustosissimi. I prezzi davvero popolari e il clima molto informale. Non esistono tavolini ma si mangia alla “barra”, in piedi quindi, in mezzo ad altre decine di persone, per non dire accalcati. Non adatto ai bambini quindi, per lo meno no di sabato, ma molto piacevole per gli adulti, soprattutto per la qualità del cibo offerto!

visitare Barcellona in vespa
selfie in Can Paixano (la xampanyeria)

Dopo due panini caldi e qualche tapas abbiamo ripreso la vespa e ripercorrendo Passeig de Colom e la Avenida Parallel siamo tornati a Plaza de Espanya.

visitare Barcellona in vespa
Plaza de España

Gli expo delle maratone mi piacciono molto, sono il Paradiso per noi runners. Non solo perchè si può trovare tutto l’inimmaginabile per la corsa ma anche perchè passeggiando per gli stand delle varie gare in giro per il mondo, si può fantasticare su quello che sarà il prossimo pettorale da acquistare e il prossimo aereo da prenotare 😊

visitare Barcellona in vespa
Il muro dei 30 km 🙂

Dopo tutto questo sport (solo pensato) abbiamo deciso di andare a fare merenda alla Cremeria Toscana, famosa gelateria italiana nell’Exaimple vicino l’  Hospital Clinic. Gelato buono ma per me la migliore gelateria della città rimane COSI DUCI in Poble Nou!

Ultimo giro per il centro prima di riportare la nostra vespa alla sede centrale di Vesping.

visitare Barcellona in vespa

Sentivamo troppo la mancanza di William e avendo anche programmato di cenare fuori, siamo voluti tornare e passare qualche ora con lui. I figli so piezz e core!

 

Author

20 Comments

  1. Adoro lo scooter e per me Barcellona ha un altro sapore vista da uno scooter.. L’aria in faccia e quel senso di libertà! prima avevo lo scooter e conosco la sua bellezza.. Grazie per questa ventata di aria fresca che porti!! Bel post.. piace 😍

  2. Ma bellissimo Vesping e complimenti a chi ha avuto questa idea, il ragazzo di Cosenza, giusto? Io amo la motocicletta, vespa comoresa e credo che girare Barcellona con ke due ruote sia fantastico. Grazie x avermelo fatto conoscere.

  3. Certo che Vittorio ha messo l’anima in questo progetto e se devo essere sincera ci invidio un po’ per averla potuta provare! Anche se un po’ di paura c’è l’avrei … tipo a Roma non lo farei mai!!!

  4. Ma che bella esperienza!!
    Devo proporla al mio compagno, che ama le due ruote 🙂

  5. Un’idea carinissima e ben organizzata a quanto pare quella di vesping! Credo di averle viste anche a Roma, altra città perfetta per essere visitata sulle due ruote!

  6. Io Barcellona l’ho vista di sfuggita durante una crociera, e ci voglio tornare. L’idea della vespa mi piace molto è un modo per apprezzare la città in modo originale.

  7. Io lo dico sempre che se vogliamo noi italiani abbiamo una marcia in più. Chissà che qualche ragazzo di qua non pensi a una cosa simile per le nostre meravigliose città d’arte.

  8. Simpatica l’idea, la vespa è il modo ideale per visitare le città grandi con un sacco di traffico, ne so qualcosa con Roma 😀

  9. Wow, davvero un’eccellente idea e un ottimo, originale servizio! Peccato che non l’ho saputo prima, quando vivevo ancora a Barcellona… Mi sarebbe proprio piaciuto sfrecciare in vespa per la città! Lo terrò presente però, per quando tornerò 🙂

  10. Ahahaha! Bellissima la fine 😀 L’idea è geniale: complimenti Vittorio! Se torno a Barcellona, affitto la vespa e me ne vo per la città

  11. Chiara Falsaperla Reply

    Secondo me è un’idea bellissima! Vuoi mettere girare la città senza lo stress dell’auto! Peccato che io sia una schiappa sulle due ruote

Write A Comment