Continua il nostro road trip di Carnevale alla scoperta della seconda cittadina francese scelta per il nostro viaggio. Prossimo obbiettivo: visitare Montpellier!

Riprendiamo la nostra Fiat 500 e percorriamo i 159 km che separano Montpellier da Perpignan.

Per fortuna in autostrada William si addormenta subito e noi possiamo finalmente rilassarci. Farsi 159 km con un bambino di 3 anni, che si esibisce in canzoni catalane, non fa proprio parte dell’immaginario collettivo del road trip ideale 😊

Arriviamo all’hotel di Montpellier attraversando il quartiere di Antigone e ammirando come prima cosa il famoso palazzo ad M sede della regione e tutta la zona circostante. Un quartiere moderno e ricco di locali (foto di copertina).
Sono quasi le 17 e c’è un bellissimo tiepido sole. Il lungo fiume è pieno di ragazzi e ragazze che si rilassano sul prato o facendo sport. Davvero un posto interessante! Penso che mi piacerebbe correre lí.

Dopo esserci riposati un pò in albergo (il nostro autista aveva proprio bisogno di una bella dormitina) ci prepariamo per uscire e prendere confidenza con la cittá…e anche per cercare un posto dove cenare!

L’hotel é a pochi passi da Place de La Comedie e da lí inizieremo la nostra visita alla cittá il giorno successivo.

VISITARE MONTPELLIER: IL CENTRO STORICO INIZIA DA PLACE DE LA COMEDIE

Piazza de la Comedie é stupenda e oltre all’ Edificio dell’Opera é caratterizzata dalla Fontana delle 3 Grazie. Questa opera scultorea rappresenta le tree dee greche Aglae, Euphrosine e Thalia, figlie di Zeus e simbolo di seduzione, bellezza, natura, creatività umana e fertilità.

visitare Montpellier
Fontana delle 3 Grazie

Da lí inizia Rue de la Loge, da noi rinominata calle Larios perché ci ricorda tanto la strada di Malaga dedicata allo shopping, che porta a Plaza de la Costitución…ve ne parleró presto!
Percorrendo Rue de la Loge si arriva a Jean Jaurés, piazza ricca di bar e ristoranti. Poco piú avanti un mercato coperto con prodotti agricoli, a base di carne e caseari. Non so a voi, ma tutti quei formaggi a me fanno venire un’acquolina!!! Cerco di non mangiare formaggi per motivi salutistici ma quando li vedo mi viene un’ irrefrenabile voglia di mangiarli tutti! 😊

Proseguiamo per Rue Foch e arriviamo all’ Arco di Trionfo, affianco al Palazzo di Giustizia. Qualche foto di rito e raggiungiamo il Royal Place of Peyrou.

visitare Montpellier
Arco di Trionfo e Palazzo di Giustizia

Lungo il parco un mercatino vintage con un’offerta che va dal mobile antico di valore, alla cianfrusaglia che si puó trovare nella cantina di casa della nonna. William inizia a giocare con altri bambini, che casualmente sono per metá italiani. Mi fermo a chiacchierare con le due mamme italiane e Stefano ovviamente non perde occasione per prendermi in giro dicendomi che sono una “ciattella”.

Alle spalle del parco inizia l’ Acquedotto romano Saint Clement. Una meraviglia! Vedere queste opere architettotiche antiche mi affascina terribilmente. Perdermi nella ripetizione perfetta degli archi e immaginarmi migliaia di uomini costruire questa opera mastodontica mi fa viaggiare nel tempo e mi fa sognare ad occhi aperti.

visitare Montpellier
Acquedotto Saint Clement

Ripercorriamo il parco soffermandoci a guardare qualche cimelio presente sulle bancarelle, tute acetate, felpe colorate anni 80, un cavallino a dondolo, un telefono fisso con doppia cornetta e riprendiamo la via per il centro storico.

A pochi passi dall’Arco di Trionfo la Chiesa di Sant’ Anna, costruita nel XIX secolo durante un auge economico della città, oggi sconsacrata e convertita in spazio culturale e centro di arte contemporanea. Il quartiere di Saint Anne é bellissimo, e perdersi per le sue viuzze é il modo migliore per conoscerlo. Ci torneremo piú tardi.

Torniamo sulla via principale e andiamo nella direzione opposta, per vedere la Cattedrale di Montpellier, una magnifica opera architettonica in stile gotico meridionale protetta nella sua facciata anteriore da due torri cilindriche di 4.55m di diametro. Purtroppo non abbiamo potuto visitarla al suo interno perché chiusa, ma da fuori é davvero bellissima!

visitare Montpellier
Cattedrale di Montpellier

Riprendiamo il cammino verso Place de la Comedie attraverso Boulevard Pasteur, l’idea é quella di mangiare i nostri panini al parco Esplanade Charles-de-Gaulle, per riposarci noi e per permettere a William di giocare un pó. Prima di partire avevo letto sul blog Playgroundaroundthecorner che il playground in questo parco era molto bello, tutto a tema musicale ed effettivamente è stato proprio cosí.

William ha fatto su e giú per gli scivoli mille volte, ha saltato sui tasti della tastiera di piano e si é divertito a giocare con una tromba gigante che permetteva di far comunicare due persone in realtá lontane. Purtroppo abbiamo solo una foto del parco…eravamo troppo impegnati a mangiarci la baguette 🙂

visitare Barcellona
playground Montpellier

Dopo il relax outdoor, e a causa di una nuvoletta fantozziana che ha iniziato a seguirci, decidiamo di cercare un posticino dove prendere un caffé e riscaldarci, magari mangiando pure un dolcetto. Lo so che sono a dieta e non dovrei, ma quando viaggiamo ci piace viziarci!

Una pausa caffé molto speciale

Una breve ricerca su Google (Santo roaming!!!) e troviamo il locale che fa per noi: Fairview Coffee in Rue Loys, a pochi passi da Place de la Comedie, una caffetteria accogliente e familiare, o come direbbero gli inglesi molto cozy. Sedie e tavoli di legno, divanetti e poltrone, cuscini colorati, libri , connessione Wifi e soprattutto una cucina a vista che ricorda tanto quella di casa. Se siete in zona e volete rilassarvi, bere un ottimo caffé e mangiarvi un dolcetto questo é il posto che fa per voi!

Dopo una pausa ristoratrice riprendiamo il cammino. Ci rimettiamo nel centro storico, esplorando le stradine del quartiere di Saint Anne. Purtroppo essendo domenica tutti i negozi sono chiusi, ma c’è comunque un pó di movimento (non la desolazione che abbiamo trovato a Perpignan).

Ci ritroviamo davanti alla chiesa di Saint Roch e a quello che scopriremo essere, in un secondo momento, il primo Trompe l’oeil visto. Bellissimo! Un dipinto enorme su un’anonima facciata che la rende unica e stupenda. A pochi passi da Saint Roch il secondo Trompe l’ oeil, che fa sembrare reali le persone a passeggio o affacciati a una finestra. Da lí decidiamo di vedere anche il terzo (grazie Google!) che dista poco piú di 500 metri da dove ci troviamo.

visitare Montpellier
Trompe l’oeil Saint Roch
visitare Montpellier
Trompe l’oeil Boulevard de l’Observatoire

Una visita a la La Tour de la Babote, unico resto, insieme alla Tour des Pins, della muraglia difensiva della cittá e poi a piedi, passando per la stazione dei treni, verso Rue de la Méditerranée dove ci immergeremo in un’atmosfera davvero magica, con tanto di biblioteca di strada.

visitare Montpellier
Trompe l’oeil Rue de la Méditerranée
visitare Montpellier
biblioteca di strada

Tornare in hotel per ricaricare le pile

Decidiamo di tornare un pó in hotel. William é stanco e non ne vuole sapere di dormire nel passeggino, fa freddino e soprattutto gioca il Cosenza contro il Catania, match clou.

Dopo esserci riposati e William aver dormito quasi 3 ore, ci prepariamo per la nostra cena.

Il lunedì decidiamo di partire presto e sfruttare anche la nostra ultima giornata a disposizione. Prima tappa Montpellier spiaggia, a 15 minuti dalla cittá. Per arrivare al mare, a Palavas les flots, si passa attraverso gli stagni e con Billy divertiamo ad avvistare le varie specie di uccelli presenti. Ad un certo punto sembra proprio di camminare sulle acque.

La spiaggia é molto bella ed è sicuramente una localitá turistica molto gettonata in estate, visti i numerosi hotel e ristoranti. Beviamo un caffé al volo e ripartiamo….direzione Costa Brava!

Quale sará la nostra prossima tappa?!

DOVE MANGIARE A MONTPELLIER:

Cercando informazion su Tripadvisor sulle varie Brasserie a Montpellier per cercare un posto tipico dove cenare avevamo avuto l’impressione che tutti quelli visti non fossero l’ambiente ideale per un bambino di 3, molto vivace diciamo. I ristoranti sembravano molto eleganti e intimi, da coppiette insomma. Abbiamo quindi deciso di puntare su qualcosa di piú casareccio e alla mano, come lo siamo noi! 🙂

Una tipica cena francese:

L‘Entrecote é un ristorante praticamente in Place de la Comedie ed é stata una piacevole sorpresa, anche nel prezzo. La formula é molto semplice : fanno solo l’entrecote, quindi assolutamente sconsigliato per i vegetariani.

Come starter ti portano un’insalata con le noci, poi la carne servita con le immancabili patatine fritte in una salsina davvero deliziosa! Ottimo anche il vino. Avevamo paura di non riuscirne a bere un litro e abbiamo preso la bottiglia piú piccola…invece é andato giú benissimo, senza che ce ne rendessimo conto.
Una cosa simpatica di questo ristorante é il bagno. I suoni dei pascoli e della campagna francese vi terranno compagnia e renderanno davvero piacevole il vostro momento plin plin. Peccato per le tovaglie giallo canarino che sono un pugno nell’occhio, ma nel complesso assolutamente consigliato!

Viaggiare anche a tavola

La prima sera invece abbiamo mangiato thailandese in un ristorante molto semplice e spartano in Place Jean Jaurès, Pitaya Montpellier. Lo so che quando uno decide di visitare Montpellier pensa subito a carni e formaggi, ma noi adoriamo la cucina etnica, soprattutto quella thai e ci è sembrato un luogo piú adatto a William. Si ordina al balcone e le ragazze gentilissime ti portano il piatto, una bol enorme, al tavolo. Buono ed economico!

Informazioni utili se si viaggia in auto:

Anche a Montpellier é pieno di garage e parcheggi a pagamento e anche qui nel weekend le tariffe cambiano. Il sabato si paga dalle 09.00 alle 18.00 come in settimana mentre la domenica i parcheggi pubblici sono gratis.

Author

19 Comments

  1. Un articolo ben scritto e curato nei dettagli! Che bel blog 🙂
    Ps: mi sono innamorata di quella piccola biblioteca di strada

  2. Bellissimo questo articolo! Ho adorato i trompe l’oeil.. soprattutto il secondo che avete visto!
    Mi piacerebbe visitare questa città 🙂

  3. Anche qui ci sono ovunque le piccole biblioteche da strada! Avete visto un sacco di cose pur stando con un bambino piccolo. Noi abbiamo ritmi assolutamente piú lenti!

  4. Non ho visitato Montepellier, e mi hai fatto rivivere il mio primo viaggio in Francia. Molto carina la biblioteca di strada.

  5. Montpellier è proprio una chicca di città! Che voglia mi hai fatto venire di un on the road direzione Francia!! Mi sono innamorata dei trompe l’oeil, fenomenali!

  6. Ciao Ale! Beh che dire io voglio andare in quella caffetteria un po’ cozy:) apparte ciò mi dispiace per la nuvoletta fantozziana e per la cattedrale chius! Un peccato davvero perché da fuori sembra bellissima

  7. Complimenti per l’articolo…curato nei minimi dettagli! Io adoro la Francia quindi mi salvo questa tappa

  8. Bellissimo itinerario con un sacco di cose da vedere! La biblioteca per strada magnifica e la cena al ristorante dell’entrecote Assolutamente per me essendo che sono carnivora!! 😊

  9. Bellissimo! Mi sembra una cittadina davvero interessante. La cattedrale poi è veramemte particolare. Io in queste zone ci potrei anche arrivare in auto. Ci farò un pensierino!

  10. Ottimi consigli per portare i nostri due pargoli di 1 e 4 anni in una città francese che mi ha sempre ispirato, grazie!

  11. Ma quanti posti nascosti e lontani dalle classiche mete turistiche! Davvero un gioiellino questa cittá, perfetta per un weekend lontano dalla vita quotidiana. Formaggio, vino ma anche molto altro insomma.

  12. Continuo a leggere volentieri i tuoi bellissimi articoli e mi sta venendo voglia di partire per conoscere questa zona!

  13. Mi sono accorta di aver letto solo la prima parte di questo tuo racconto di viaggio… ho rimediato ora e confermo la mia impressione: una zona davvero interessante!

  14. Sembra molto bella Montpellier, soprattutto la cattedrale che è particolarissima! Grazie per i tuoi consigli, spero di visitarla un giorno

Write A Comment