Questa volta non voglio perdere tempo. Non voglio aspettare che passino i giorni e le settimane prima di scrivere del nostro weekend francese, alla scoperta di Perpignan & Montpellier. In genere faccio questo errore…aspetto, presa dalle mille cose della mia vita di mamma lavoratrice all’estero, con miliardi di cose da fare, ma questa volta no, voglio raccontarvi subito del nostro On the road di Carnevale, dedicato appunto a queste due belle cittadine nel sud della Francia, Perpignan e Montpellier.

Approfittandone del lunedí “festivo” all’asilo di William, abbiamo preso un giorno di ferie entrambi e organizzato quello poi abbiamo soprannominato il nostro On the Road di Carnevale. Chi ci segue sui Social (se non lo fate ancora, fatelo 😊) sa infatti che avevamo una special gueststar… Chaise della Pattuglia Canina!

visitare Perpignan
pronti per il nostro on the road di Carnevale

Non avendo un’auto di proprietà ne abbiamo affittata una all’ aeroporto, prezzo bassissimo ma con sorpresa (occhio quando prenotate un auto…controllate tutte le clausole presenti, compreso l’ammontare del deposito cauzionale sulla vostra carta di credito!) e siamo partiti in direzione Francia intorno alle 17.00 del venerdì pomeriggio. Poco più tardi delle 19.00 eravamo arrivati a destinazione.

VISITARE PERPIGNAN, LA CITTÁ FRANCESE CATALANA

A poco più di 2 ore da Barcellona, Perpignan è sicuramente la cittá francese più catalana che ci sia. Accolti da bandiere e scritte in catalano, ci siamo subito resi conto che quasi tutti parlavano anche il catalano, oltre ovviamente al francese e a un po’ di spagnolo. Non è stato difficile quindi comunicare con la popolazione locale e chiedere informazioni.

La sera, oltre all’orgoglio catalano, ci ha accolti anche un vento gelido per cui, dopo una cena veloce praticamente di fronte al nostro hotel, ce ne siamo tornati in camera al calduccio e tutti e 3 nel lettone ci siamo impallati davanti a un reality show in francese. Un gioco a squadre, nella savana, con protagonista diverse famiglie. Ho capito poco dei dialoghi e ho scoperto il titolo solo stamattina in ufficio, grazie al mio mitico collega Ivan, ma se lo facessero anche qui in Spagna mi candiderei al volo! Qui il link:

Visitare Perpignan: la bellezza del centro storico

La cittadina è molto piccola e si gira a piedi in mezza giornata.

Partendo dall’ufficio per il turismo, tappa fissa all’inizio di ogni nostro viaggio, la triste sorpresa é stata scoprire che il famoso trenino che attraversa tutta la città facendo scoprire tutti i luoghi più interessanti, non era operativo. Quindi “gambe in spalla” abbiamo passeggiato per il centro storico, cercando i luoghi di nostro interesse, tutto rigorosamente a piedi. A fine giornata il contapassi del mio smartphone segnerà 18mila passi!

La Rive Gauche, il lungo fiume, fino ad arrivare al Castellet, un tempo porta della cittá e prigione di stato oggi sede del museo catalano delle arti e tradizioni popolari per poi proseguire fino al cuore del centro storico, ricco di negozi e locali di ogni genere.

visitare Perpignan
Castillet

Siamo poi arrivati alla Piazza della Cattedrale e siamo entrati nella bellissima Chiesa dedicata a San Giovanni Battista di Perpignan, costruita tra il 1324 e il 1509, in stile gotico. Il piano originale della Chiesa prevedeva 3 navate con 3 absidi ma il progetto architettonico è stato terminato con una sola navata molto ampia, ben 80 metri di larghezza, per 26 di altezza.
Personalmente mi hanno compito e ho adorato le altr vetrate colorate e le numerose statue al suo interno.

visitare Perpignan
La Cattedrale di Perpignan

Affianco alla Cattedrale il Campo Santo, un altro luogo pieno di storia e fascino.

visitare Perpignan
Campo Santo

Continuando la nostra passeggiata per le vie del centro storico medievale, sempre in compagnia di vento (nostro compagno di viaggio per questo weekend) e ben pochi altri turisti, abbiamo ammirato la bellezza de La Loge e del Palais des Corts per poi dirigerci verso il Palazzo dei Re di Maiorca.

visiatre Perpignan
Palais des rois de Majorque

Questa fortezza medievale é uno dei monumenti piú importanti della cittá ed é raggiungibile a piedi attraverso un quartiere che sabato scorso era deserto e non proprio rassicurante.

Dalla collina dove é situato il Palais si gode di una vista sulla cittá e le montagne innevate spettacolare.

visitare Perpignan
vista dal Palais des rois de Majorque

Il vento é fortissimo e la cittá semi deserta… decidiamo di andare a mangiare qualcosa e ripartire subito per la nostra prossima tappa.

DOVE MANGIARE A PERPIGNAN

Un giorno non é certo abbastanza per potervi dare dei consigli su dove mangiare, ma posso sicuramente dirvi dove abbiamo mangiato noi 😊

La prima sera ci siamo riempiti lo stomaco con un bell’ hamburger, praticamente di fronte al nostro hotel, Big Buddy. Faceva freddo, eravamo stanchi e non avevamo voglia di camminare. Hamburger buono, servito con le solite patatine fritte, il prezzo forse un po’ altino per quanto offerto…ma che vogliamo farci?! In Francia costa tutto di piú lo sappiamo 😊

Per il pranzo invece abbiamo optato per la caratteristica crepe di grano saraceno da Crêperie Flaubert. Un ristorante molto accogliente, con personale gentilissimo. Hanno sopportato la vivacità del nostro 3enne con un sorriso e tanta pazienza!

In entrambi i casi ci é stato offerto il menu bimbi a un prezzo vantaggioso.

DOVE DORMIRE A PERPIGNAN

Noi come al solito abbiamo scelto un hotel Accor. Sapete che siamo clienti fissi di questa catena, trovandola sempre la migliore in termini di qualitá-prezzo. Per Perpignan il prezzo migliore l’abbiamo trovato all’ Ibis Budget centre.

Apro una parentesi sugli hotel Accor. Questa catena offre diversi marchi, con caratteristiche e prezzi ovviamente differenti.

L’intramontabile Ibis, che in genere offre una tariffa base molto vantaggiosa e i nuovi nati Ibis Budget e Ibis style, piú spartani e basici, con prezzi decisamente piú bassi, poi Novotel e Mercure, a uno scalino più alto, anche nel prezzo, che iniziano ad offrire servizi di un certo livello, come la palestra, nonostante vengano considerati di media categoria, e che concorrono con brand come Best Westerm, Holiday Inn, NH e Hilton. E per concludere, nella fascia alta e di lusso, della stessa famiglia troviamo hotel come Fairmont, Sofitel, Pullman, Swissotel e Raffles.

Finora ho potuto sperimentare solo le categorie economica e media e considero Accor sempre come prima scelta, quando é presente nella cittá dove voglio andare. Dovrebbero farmi ambasciatrice Accor e magari farmi provare anche gli hotel di lusso 😊. A parte gli scherzi, lavorando come agente di viaggio business prenoto questi hotel decine di volte al giorno e tutti i miei passeggeri sono contentissimi!

Questa volta peró sono rimasta un po’ delusa. L’ Ibis Budget é molto spartano e freddo. L’arredamento é il medesimo in tutti gli hotel e l’avevo già visto anni fa ad Amsterdam. Per una notte puó andare ma se dovete stare di piú non mi sento di consigliarlo. In camera non trovate nè una sedia nè un piccolo armadio per disporre le vostre cose. Letto, tv, doccia a vista, lavandino in camera e wc separato. That’s all!

Informazioni utili se viaggiate in auto:

Ho pensato di concludere il post dandovi qualche consiglio sul parcheggio. In città è pieno di parcheggi/garage privati a pagamento e le tariffe non sono certo basse. L’hotel ci offriva un forfeit per la notte , dalle 18.00 alle 09.00 a 9 euro, o dalle 18.00 alle 11.00 a 13 euro.

Ingenuamente abbiamo preso la tariffa che ci avrebbe coperto fino alle 11.00, quando in realtà alle 9 eravamo già fuori. Comunque…il sabato e la domenica i parcheggi sono gratis!!!!

Dal lunedì al venerdì si paga dalle 09.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00, 0.90€ o più a seconda della zona e del colore. Il sabato si paga SOLO dalle 09.00 alle 12.30.

Considerando che eravamo tra la zona gialla e la verde e che la tariffa oraria era di 0.90-1.00 € se avessimo parcheggiato in strada direttamente al nostro arrivo avremmo speso 3,50 € totali contro i 15 € che invece abbiamo speso…un bel risparmio insomma! 😉 Se qualcuno ce lo avesse detto!

ONTHEROAD DI CARNEVALE…IL VIAGGIO CONTINUA…

Author

19 Comments

  1. Una zona che proprio non conosco… mi sono letta il tuo post con grande piacere!!!

  2. Cosa mi hai fatto tornare in mente con questo post!! Cavolo, Perpignan. E’ una vita che non ripensavo ai giorni che ho trascorso lì. Mi è piaciuto molto quel pezzo di mondo catalano in Francia.

  3. Bel giro di carnevale, a Montpellier ci sono stata tantissimi anni fa e ho sempre un bel ricordo. Beh, nonostante sia inverno, mi sembra che abbiate trovato belle giornate, o sbaglio?

    • alessia.1983 Reply

      Insomma. A Perpignan vento e freddo, a Montpellier il primo giorno sole ma il secondo di nuovo nuvolo. Eh vabbè… Ci torneremo d’estate 🙂

  4. È una zona a me sconosciuta, ma le tu e le tue foto parlate chiaro: è una zona da conoscere e visitare.

  5. Sai che io non conoscevo proprio Perpignan? Che bello deve essere stato visitare una città francese con un’anima totalmente catalana! Mi segno tutti i suggerimenti perchè la vorrei davvero visitare prima o poi! 🙂

  6. Non conosco questa città ma dalle foto sembra bellissima. Sarà pure stato un freddo cane ma che giornata! 😀 Grazie per le dritte sugli hotel. Da adesso controllerò anche io gli Accor 😉

  7. Ecco, una città che non conoscevo ma che mi sembra proprio carina! Poi adoro le crepes di grano saraceno *_*
    Vado a leggere la parte su Montpellier 😉

  8. Io ho soggiornato spesso all’Ibis per lavoro perché in periferia non c’era altro… una tristezza di hotel, certo pulito ma completamente spersonalizzato come dici tu!

  9. Ottimo giro! E ottime info utili sugli hotel: non è sempre facile districarsi tra le varie categorie!

  10. Bellissime le foto di Perpignan e molto utili i tuoi consigli pratici a misura di famiglia.

  11. Adoro leggere di piccole cittadine e sconosciute a molti. Anch’io ero allo scuro di questa cittadina francese, ma grazie al tuo racconto mi andrò a documentare …e leggerò il continuo del vostro week end! Ciao

  12. Perpignan sembra davvero interessante. Ora vado a leggere la seconda parte e a prendere appunti. Da un po’ infatti con mio marito stiamo pensando di prenderci un anno per viaggiare e vorremmo iniziare dal nord della Spagna e dal Sud della Francia.

  13. Da un paio di anni a questa parte stiamo cercando di esplorare sempre di più la Francia, abbiamo iniziato lo scorso anno con Bordeaux e i suoi dintorni e non vediamo l’ora di scoprire presto la Provenza. Perpignan, con la sua anima catalana, ha decisamente attirato la nostra attenzione!

  14. Di Perpignan ho un bellissimo ricordo estivo: quella città mi è sembrata davvero poco francese e molto catalana e ricordo con piacere la sua luce e la sua gente

  15. Non ho mai visitato questa parte della Francia (cioè Montpellier da bambina) e mi hai veramente incuriosito, utili le info sulla scelta dell’Ibis e sulle zone dove parcheggiare! La città dalle tue foto ha un aspetto molto catalano, e sembra strano sapendo che è francese!

Write A Comment