leggi prima la parte 1 e la parte 2 del mio racconto.

TERZA PARTE:

I miei compagni di avventura sono distrutti quanto me. Ci sono anche qui tanti disabili e vederli mi commuove! La loro forza di volontà e il loro coraggio sono pazzeschi. Vedo un ragazzo in carozzina da solo, penso a tutte le salite che abbiamo affrontato finora, come avrà fatto? Neanche il tempo di pensarci e lo vedo sfrecciare al primo cenno di discesa…super!

Corriamo almeno 3 km nel parco e poi di nuovo fuori. Manca 1 miglio: tutti possono correre un miglio, ma le gambe sono durissime e io quei 2 km che mi separano al traguardo li correrò in 12 minuti…un altro record… di lentezza!!! 🙂

DSCN1890
manca 1 miglio…solo 1 miglio…

Mi trascino ancora, inzia quello che viene definito THE WALL ( il muro )…ah però, incoraggiate!

Sto andando pianissimo ma non mi fermo. Columbus Circle, il nostro luogo di ritrovo in queste mattinate newyorkesi per gli allenamenti di gruppo, prima con Pizzolato e poi con Giordano. Mi sento a casa. Questa zona la conosco. Rientriamo nel parco non prima di aver salutato la telecamera che ci proietta su un mega schermo.

Ok ci siamo…400 yard alla fine…intorno a noi il delirio…le bandiere, gli spalti pieni di gente, la FINISH LINE…e noi, mano nella mano, insieme fino all’ultimo, superiamo tutto e raggiungiamo il nostro traguardo.

Sono passati 12 mesi da quando abbiamo iniziato ad allenarci con questo obbiettivo in testa. Abbiamo corso km con il freddo, il vento, la pioggia, il sole (ogni tanto). Durante la settimana dopo una giornata di lavoro o sacrificando parte dei weekend. Abbiamo corso addirittura in vacanza!

Quella medaglia ce la meritiamo! E’ nostra! Ce la siamo sudata!

Superata la famosa finish line scoppio in un pianto liberatorio. Ho sognato per mesi quel momento e non poteva essere più bello! E’ vero corro piano, mi sono dovuta fermare prima per il ginocchio e poi per il mal di pancia, ma non mi sono arresa, e oggi ho realizzato la MIA MISSIONE IMPOSSIBILE!

Quella che se me l’avessero detto 13 mesi fa non ci avrei creduto!

Quella a cui nessuno credeva quando lo dicevo…anzi!

Quella che se potessi tornare indietro rifarei altre 100 volte!

DSCN1891
ce l’abbiamo fatta!!!!!

Ringrazio Ste per avermi coinvolta in questa follia che non vedo l’ora di rifare! E ovviamente per avermi sopportata in questi lunghi mesi, con i miei pianti, le mie lamentele e la mia paura di non farcela!

Ringrazio Julia, la mia meravigliosa coach, che è stata una sorella maggiore e che mi ha sostenuta dal primo giorno! Prometto che sarò un’allieva più diligente e che mi impegnerò di più in futuro, soprattutto con la dieta.

Ringrazio le carine per il loro sostegno incondizionato e il loro meraviglioso tifo. Spero di conoscervi presto amiche…voglio abbracciarvi tutte!!!!

Ringrazio gli amici che in questi mesi mi hanno sempre spronata ad andare avanti e a non mollare mai: Daniela, i Ciri, Chiara, Marianna, Selene, Andrea,  Samantha, la Fra, e tutti gli altri che anche solo con un messaggio mi hanno sostenuta.

Ringrazio mamma e papà per avermi dato gambe lunghe, snelle e veloci…ahahah non proprio direi…ma sicuramente per avermi fatto crescere determinata, forte e testarda!

Author

5 Comments

  1. Pingback: LA MIA NEW YORK | NETHERLANDS CHIAMA ITALIA

  2. Pingback: 20/07/2017 – DaLunedìMiMettoADieta

  3. Un’emozione solo a leggerti, immagino a tagliare veramente the line! Che bello!!! Credo che sia una di quelle sensazioni che cambiano la vita in meglio, la vincita su un proprio obiettivo!Brava Alessia!!

  4. Una forza di volontà pazzesca, nonostante i dolori fisici sei riuscita nella tua Mission Impossible. Grande Alessia!

Write A Comment