Mi Presento

Mi presento: sono Alessia e mi sono appena resa conto che da quando sono diventata mamma non ho più una foto che mi vede come l’ unica protagonista 🙂

mi presento
Alessia e William a San Francisco

Classe ’83, nata e cresciuta a Genova fino ai 28 anni, con una parentesi di un anno in Andalucia per il progetto Erasmus.

Amo la mia cittá ma nel 2012 ho deciso di mettermi alla prova, volevo uscire dalla mia comfort zone e sfidarmi, volevo vedere se un’altra vita era possibile, cosí ho riempito la mia valigia delle cose fondamentali e di tante emozioni e mi sono trasferita, insieme al mio compagno di viaggio e di vita, in Olanda.

Abbiamo vissuto a Rotterdam 5 anni e qui siamo diventati una famiglia. Abbiamo comprato casa e siamo diventati genitori di una bambino tanto meraviglioso quanto monello. 😊

Nel 2016 abbiamo deciso che era tempo di affrontare una nuova sfida, di cambiare. Stavamo bene in Olanda ma avevamo bisogno di qualcosa di diverso, forse semplicemente di rivedere il sole. Ci mancava il mare, il caldo, la cultura mediterránea cosi’, grazie ad un’offerta lavorativa, senza pensarci molto, ci siamo trasferiti a Barcellona, dove viviamo attualmente.

PERCHE’ UN BLOG?

Sin dai tempi dell’Erasmus iniziai a scrivere un “diario di viaggio” ,poi abbondonato dopo qualche mese, per raccontare a tutti i miei amici rimasti a casa quella che sarebbe stata l’esperienza piú bella, emozionante e totalizzante della mia vita (almeno fino a quel momento)…ovviamente solo le cose che potevano essere raccontate in un blog! 🙂

Così, quando decidemmo di trasferirci all’estero, decisi di riprendere in mano questa passione e scrivere un nuovo “diario di viaggio” su quello che sarebbe stato il nostro trasferimento e adattamento a questa nuova realtá. Volevo raccontare la nostra vita in Olanda e il nostro percorso di integrazione nella cultura Dutch. Nacque così Netherlandschiamaitalia.worpress.com

Oggi peró io sono cresciuta, la nostra famiglia è cresciuta e anche questo blog merita di crescere.

Negli anni mi sono appassionata al blogging, ai social media, agli scambi tra le blogger e sono entrata in questo fantastico mondo virtuale, seppur in punta di piedi e a modo mio. Dopo aver passato mesi a pensare a un nuovo nome, piú maturo e piú “attinente”, a decidere se dedicare piú tempo a quello che fino a quel momento era solo un hobby, se fare diventare questo blog piú “maturo”, oggi posso finalmente dire che HO DECISO.

Oggi mi sento pronta per dare a questo spazio virtuale l’importanza che si merita.

Dopo varie opzioni scartate e brainstorming illuminati, il nome scelto è Una Valigia di Emozioni, che ne pensate?

Perchè Una Valigia di Emozioni?

Nel mio blog parlo della vita all’estero, del mio essere mamma in un paese straniero ma anche dei nostri viaggi e soprattutto del viaggiare con i bambini. Racconto delle mie passioni e delle mie sfide quotidiane, prima tra tutte la corsa e l’affrontare me stessa e i miei limiti durante ogni gara.

Il minimo comune denominatore è quindi la VALIGIA.

Una valigia che anni fa ho riempito di speranza ed entusiasmo per affrontare la nuova aventura che mi attendeva in un paese straniero, una valigia carica di tristezza e malinconia per aver dovuto lasciare la mia famiglia e le mie origini, una valigia che con il tempo di è riempita di amore, determinazione a fare sempre meglio, affetto per la mia nuova famiglia e ancora una valigia che prima di ogni viaggio si carica di curiositá, desiderio di conoscere, spirito di osservazione, interesse e che dopo ogni viaggio rimane piena di gioia, allegria, passione , soddisfazione…in una parola felicitá,

 

Questa sono io, una persona determinata e con tanta voglia di mettersi sempre in gioco, di migliorarsi. Una mamma completamente innamorata del suo bambino e una compagna (non posso ancora dire moglie, chissá se potró mai dirlo 😊) fiera del suo partner, per tutto quello che ha fatto e continua a fare ogni giorno per la sua famiglia, e consapevole di aver trovato l’altra metá della mela, nonostante i problemi, i difetti di entrambi e le diverse opinioni che a volte possono portarci a discutere. Cerco di trovare sempre il modo di sdramatizzare, di trovare il lato positivo, di vedere il bicchiere mezzo pieno, anche quando tutto sembra nero e vorrei solo scappare.

Adoro viaggiare e visitare luoghi mai visti e mi piace ancora di piú farlo con il piccolo William che viaggió con me per la prima volta quando ancora doveva nascere. Ero incinta di 3 mesi quando ebbi l’opportunitá di fare un viaggio in Malesia per lavoro, un Educational Trip organizzato da Malesyan Airlines e Starwood hotels. Un viaggio in Business class upper deck nel moderno A380 che non dimenticheró mai!

Non vi ho detto che lavoro da molti anni come Agente di viaggio in un’agenzia specializzata in viaggi business/corporate…ogni giorno faccio viaggiare decine di persone su e giú per il mondo, in business class super equipaggiate e li faccio dormire in hotel extra-lusso negli angoli piú sperduti del pianeta…mi piace pensare che un pó viaggio con loro.

La nostra concezione di viaggio peró è un tantino diversa e nche la nostra disponibilitá economica diciamocelo.

Ci piace scoprire le cittá che visitiamo a piedi, utilizzando i mezzi di trasporto pubblici, adoriamo immergerci nella nuova realtá, scoprire le culture del posto, assaggiare i piatti tipici con un debole per lo street food, riempirci le narici dei suoi profumi e odori piú autentici. Il vivere all’estero ci aiuta molto nella nostra “sete di sapere”, ci permette di essere sempre alla constante scoperta della terra che ci ospita, ieri l’Olanda, oggi Barcellona e la Catalunya…è come se ci sentissimo sempre in viaggio.

In questo blog vi racconteró tutto questo, voi dovrete solo leggermi e seguire le nostre avventure…e ovviamente scrivermi e commentare se avete domande o volete consigli su un viaggio o su un possibile trasferimento all’estero. Io saró a completa disposizione

PS: QUI  potete leggere un’intervista fatta agli inizi della nostra avventura.

9 Comments

  1. bravi ragazzi. Sai Alessia ho letto quello che hai scritto a proposito del sentirsi a casa qui o li o forse da nessuna parte piu’. Io ormai vivo da piu di 20 anni qui e questa lotta interna ormai mi accompagna gia da qualche anno e nn dico quotidianamente ma quasi. Sono contento di aver trovato il tuo blog. NN sono un bloggista e ne lo diventero’ mai credo, pero’ mi devo adeguare alla comunicazione moderna che come anche tu sai non e’ come in Italia per la strada, al bar o nel quartiere di casa dove sei nata e cresciuta, ma semplicemente da casa tua dietro al pc.

  2. Siete spettacolari!! avete veramente sfidato il mondo uscendo dalla confortzone ma siete riusciti a crescere e ha realizzare sogni e dare la luce a vostro figlio!! Brava Alessia!!!

  3. Che bella presentazione! Scegliere di lasciare la propria città e trasferirsi altrove è una scelta molto coraggiosa. Vi seguiamo con piacere !!!!!! 😀

  4. Complimenti, non è da tutti stravolgere la propria vita, soprattutto se si ha una famiglia.
    Ma non c’è cosa più bella che condividere queste esperienze con le persone più importanti.
    Barcellona è una città che offre davvero molto e penso sia bellissima da vivere quotidianamente.
    In bocca al lupo per tutto! 🙂

  5. Io purtroppo non sono stata così temeraria all’università, Erasmus perso, ma ora sto cercando di recuperare 🙂 Bellissima descrizione, noi siamo appena stati a Amsterdam e siamo tentati di spostarci li tra un paio di anni (ora viviamo a Londra). Magari ti chiederò meglio 🙂

Write A Comment